Il BLOG

Cosa sta succedendo in Vignoblexport ?

20/01/2020

Brexit: come possono prepararsi i viticoltori italiani

Brexit: come possono prepararsi i viticoltori italiani
La data ufficiale per l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea è fissata al 31 gennaio 2020. Tale data inaugurerà un periodo di transizione fino al 31 dicembre 2020, a partire dal quale nuove regole operative, di circolazione e commerciali entreranno in vigore. Quali conseguenze possiamo prevedere per il commercio del vino? Come possono prepararsi i viticoltori francesi? Devono preoccuparsi?
La data ufficiale per l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea è fissata al 31 gennaio 2020. Tale data inaugurerà un periodo di transizione fino al 31 dicembre 2020, a partire dal quale nuove regole operative, di circolazione e commerciali entreranno in vigore. Quali conseguenze possiamo prevedere per il commercio del vino? Come possono prepararsi i viticoltori francesi? Devono preoccuparsi?

Quando avranno luogo i cambiamenti?  

Se la data di uscita del Regno Unito dall'Unione Europea è il 31 gennaio 2020, un periodo di transizione fino al 31 dicembre 2020 lascerà intatto il sistema. Durante questi undici mesi, il Regno Unito rispetterà le normative europee e parteciperà finanziariamente al suo funzionamento. Gli attuali accordi congiunti saranno mantenuti. Merci e persone si sposteranno liberamente tra il territorio della Comunità e il Regno Unito.

Va notato che la Comunità europea ha messo in allerta sulla durata di questa transizione considerata estremamente breve, a causa dei moltissimi punti da negoziare. Se Boris Johnson, l'attuale Primo Ministro del Regno Unito, dovesse obiettare, una possibilità di prolungare la transizione di uno o due anni é prevista nell'accordo. Nulla è stato ancora deciso su questo argomento; i negoziati tra i partner britannici ed europei ne definiranno l'utilità (la richiesta di proroga deve essere presentata entro il 30 giugno 2020).
 
Per facilitare la transizione, il governo britannico ha avanzato l'idea di sospendere le formalità amministrative per l'importazione di vini europei durante i nove mesi successivi alla Brexit. Ad oggi, questo testo del governo è in attesa di convalida da parte del parlamento inglese. Qualora confermato, i vini italiani saranno esenti da formalità amministrative per i 9 mesi successivi alla Brexit.

Quali temi saranno oggetto dei cambiamenti nel mondo del vino?

Senza proroga, la data per il ripristino delle frontiere doganali entrerà in vigore il 1 ° gennaio 2021. Un accordo di libero scambio potrebbe essere concluso tra il Regno Unito e l'Unione europea, come già avviene tra l'UE e il Norvegia o Svizzera. Tuttavia, vi sarebbe effettivamente un obbligo di dichiarazione in dogana, all'uscita e all'ingresso delle merci nei territori britannico ed europeo.
 
Lasciando l'UE, il Regno Unito diventerà un paese terzo: lo scambio di prodotti con questo paese diventerà un'operazione di importazione ed esportazione che richiederà una nuova gestione degli scambi e, quindi, dei documenti amministrativi associati.

Le formalità oggi

I viticoltori italiani che commerciano con il Regno Unito devono già avere una prova del trasporto che attesti che le accise (tasse) sono state pagate (in base a un DSA - Documento semplificato d'accompagnamento, redatto dal mittente) o sospeso (sotto copertura del DAE). Questo documento, il DAE (Documento Amministrativo Elettronico) è attualmente dedicato al traffico intracomunitario. L'enologo si prende cura di esso, tramite il teleservizio GAMMA.
 
Nel caso di una spedizione a privati, occorre ricorrere a un servizio di rappresentanza fiscale.

Le formalità di domani

In futuro, il DAE sarà un DAE di esportazione, che sarà convalidato dalla dogana di esportazione, all'uscita dal territorio francese. Istituito dall'azienda esportatrice (il viticoltore), questo DAE coprirà il movimento dei prodotti dal punto di carico (tenuta del vigneto) al punto di confine (ufficio di uscita).
 
Quando il Regno Unito,come conseguenza del Brexit, non sarà più membro dell'Unione Europea, sarà necessario seguire le stesse procedure di importazione ed esportazione previste per i Paesi Extra UE, che prevedono passaggio ed ispezione doganale
  • Numero EORI del mittente
  • Numero EORI del destinatario
  • Fattura Doganale completa e dettagliata
  • TARIC - Numero di Tariffa Doganale di 8/10 cifre (https://www.trade-tariff.service.gov.uk/trade-tariff/sections?currency=EUR&day=17&month=3&year=2019)
  • Informazioni di contatto sia del mittente che del destinatario (e-mail e telefono)
  • Descrizioni accurate e dettagliate dei prodotti (incluso paese di fabbricazione, peso dell'articolo, valore dell'articolo, etc.)
  • Valore della spedizione
  • Motivo dell'esportazione (purchase or sale/personal belongings/sample/documents - non si accettano importazioni ed esportazioni in concetto di ''gift'')
  • 1 copia della dichiarazione di libera esportazione (emessa della cantina produttrice)

Le incertezze

In questa fase dei negoziati non è ancora chiaro se ci sarà o meno un accordo commerciale tra il Regno Unito e l'Unione Europea. Per i viticoltori italiani che hanno un mercato nel Regno Unito, le domande riguardano principalmente l'importo dei dazi doganali, che incideranno sulla redditività delle esportazioni.
 
Altre questioni riguardano l'andamento dei tassi di cambio e la svalutazione della sterlina, la fluidità delle spedizioni potenzialmente rallentata dalle formalità doganali, ecc. Alcuni punti vendita e ristoranti del Regno Unito stanno già accumulando scorte per evitare un eventuale deficit, una predisposizione che potrebbe aver incrementato le vendite in un determinato periodo ma che preannuncia una maggiore difficoltà a prevedere i volumi di esportazione.

Come prepararsi ?

Anche se le formalità non saranno fondamentalmente molto diverse, i viticoltori italiani possono già prepararsi a Brexit anticipando la loro organizzazione.
 
Una delle ultime decisioni prese dal governo dello UK che andrà a favore dei produttori italiani è la sospensione di alcuni documenti per le importazioni.
 
In pratica, nel caso in cui il Regno Unito e l’Unione Europea non trovassero un accordo, lo UK sospenderà per nove mesi il modulo VI-1 – il documento richiesto dal Regno Unito per le importazioni di vino dall’Unione Europea. La sospensione del documento faciliterà l’entrata degli alcolici stranieri nel paese, riducendo anche i costi delle singole bottiglie (fonte The Grocer).

Parametri di riferimento

Purtroppo non sono solo positivi i dati che collegano il Regno Unito al vino italiano: dalle elaborazioni dell’Osservatorio Vinitaly-Nomisma Wine Monitor risulta che, nei primi otto mesi del 2019, il trend delle vendite del vino italiano si sia ridotto del 2,9%. Il dato preoccupa ancora di più se confrontato con la media generale delle importazioni di vino nello UK, in crescita del 7,3%, e il +16,8% che segna una crescita rilevante del vino francese.
 
Riassumendo
  • Transizione : dal 31 Gennaio 2020 al 31 Dicembre 2020, salvo estenzione.
  • In attesa di conferma : l'esenzione dalle formalità amministrative per gli importatori di vini europei per i 9 mesi successivi alla Brexit
  • Le formalità: da un DAA di movimento intracomunitario a un DAA di esportazione + una dichiarazione di esportazione fatta dal vostro agente doganale
  • In attesa di chiarimenti: l'importo del dazio doganale
  • Preparatevi bene scegliendo i vostri partner

Photo credit : © Ilshat - stock.adobe.com / Arzel Création

27/03/2020

COVID-19: restrizioni al ritiro o alla consegna

Consultate qui le restrizioni che ci sono state segnalate dai transportatore a seconda dei paesi e delle zone di ritiro e di consegna.
11/03/2020

Destinazione Giappone: cosa bisogna sapere per spedire bene

L'entrata in vigore dell'accordo di partenariato economico UE-Giappone e la prospettiva dei Giochi Olimpici di Tokyo nel luglio 2020 rafforzano le opportunità di business per le imprese francesi. Come possiamo approfittare di questo slancio spedendo i vini in Giappone in modo sicuro, nel rispetto delle norme specifiche per questa destinazione?
16/01/2020

Capodanno cinese - quali sono le date e le scadenze da tenere a mente

In Cina, il capodanno cinese è una delle festività più importanti e l'opportunità di ricongiungersi con la famiglia. Chiamato anche Festival di Primavera, il Capodanno cinese 2020 inizierà sabato 25 gennaio e celebrerà il topo di metallo.
27/01/2019

Esportazioni di vino negli Stati Uniti: cosa cambia per le esportazioni italiane con la tassa di Trump

A seguito dell'autorizzazione concessa agli Stati Uniti dall'Organizzazione mondiale del commercio per l'applicazione di dazi doganali surtassati, per aeromobili e prodotti industriali e agricoli importati dall'Unione europea - compresi alcuni prodotti italiani - nuove tasse sono entrate in vigore il 18 ottobre.
Spedizioni
Import / Export
Operazioni di groupage
Italia - Unione europea - Mondo
Prelievi
Tutte le aree
viticole ITALIANE
compresa la Sardegna a la Sicilia
Partner
dedicati
negli Stati Uniti e in Cina
Contatto
Telefono
+39 0183 020154
Indirizzo
Via Papa Giovanni XXIII, 38
c/o rag. Giannitalo Beglia
18019 Vallecrosia (IM), ITALIA
© 2016 VIGNOBLEXPORT - Tutti i diritti riservati - Note Legali par Termini e Condizioni
Utilizziamo cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle sue scelte di navigazione in modo da offrirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Inoltre ci riserviamo di utilizzare cookies di terze parti. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, accetti di utilizzare i cookies.
Accettare Rifiutare Saperne di +
This page does not seem to be in the language of your browser. Would you like to view it in your language?
Yes No